CookiesAccept

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per offrirti il miglior servizio possibile e per mostrarti pubblicita' in base alle tue preferenze.

Nell’informativa estesa puoi conoscere come disabilitare l’uso dei cookies di terze parti; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcune tue preferenze.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti. Puoi accettare i cookies e proseguire, oppure puoi abbandonare il sito.

INFORMATIVA ESTESA

Lo stadio "Pier Giovanni Mecchia" è una struttura di proprietà Comunale costruita nella seconda metà degli anni '40 a seguito della donazione di un possidente portogruarese al quale è stato intitolato l'impianto.

Fu inaugurato nel settembre del 1947 con la partecipazione di famosi ciclisti dell'epoca quali il triestino Giordano Cottur, il mestrino Antonio Bevilacqua, il rietino Adolfo Leoni e il buon Nane Pinarello. Tra gli altri famosi, al velodromo Mecchia passarono durante la gloriosa carriera anche Fausto Coppi e Gino Bartali.

Il Mecchia è l'unico Velodromo della Provincia di Venezia e, per la sua posizione rispetto agli altri Velodromi confinanti quali Padova, Bassano, Pordenone, copre un enorme bacino d'utenza.

Il Mecchia è uno dei due Velodromi italiani ancora in uso ad avere una curva con sezione traversale non lineare ma parabolica; se vogliamo un difetto per quanto riguarda l'apertura alle manifestazioni a livello Internazionale (visto che non è più omologabile per le stesse), ma anche un pregio dal punto di vista del recupero della specialità Pista, dato che la moderata pendenza nella parte bassa della curva può permettere la frequentazione anche delle categorie giovanili, dai 7 anni in su.

Alla TV durante le gare dei professionisti possiamo notare la differenza tra coloro che hanno in gioventù o che continuano a praticare la pista: rapidità di decisione, destrezza nelle volate e tecnica non si comprano al supermercato come diceva il buon Adriano De Zan.