Venerdì, 14 Dicembre 2018
A+ R A-

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per offrirti il miglior servizio possibile e per mostrarti pubblicita' in base alle tue preferenze.

Nell’informativa estesa puoi conoscere come disabilitare l’uso dei cookies di terze parti; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcune tue preferenze.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti. Puoi accettare i cookies e proseguire, oppure puoi abbandonare il sito.

INFORMATIVA ESTESA

dolan-bikes.com

VCNT - Visitorcounter

Oggi 22

Questa Settimana 129

Questo Mese 345

Da sempre 458692

Currently are 11 guests and no members online

Kubik-Rubik Joomla! Extensions

OMINUM TRIVENETO DELLA CONSULTA 2014

E' stata una gara spettacolare, dura, con ciclisti di alto livello, ex campioni delle 2 ruote, ex prof e non, titolati da giovani dentro gli anelli che ci piacciono di più.

Possiamo dire senza possibilità di essere smentiti  che il tasso tecnico rispecchiava certamente i valori del Triveneto. E così è stata battaglia, dura, a volte al limite della correttezza come solo i pistard di razza sanno fare, tremenda per chi ha dovuto sfinirsi solo per tenere le ruote degli uomini jet.

I 200 metri lanciati hanno subito mostrato i valori sull'anello, con un super Ravaioli a 12"05 che ha messo in fila i concorrenti e con ben 5 corridori sotto i 12"30!

La Corsa a Punti che è seguita è stata caratterizzata da accelerazioni impressionanti che hanno sparso corridori sul tracciato per i 20 giri. Un plauso al Direttore di Gara che è riuscito a tenere il conto dei punti in maniera egregia. Vittoria ancora di Ravaioli con qualche punto su Presti e su un ottimo Pollicina, che si è andato a prendere il giro tutto solo.

E' stata quindi la volta dell'Eliminazione, gara per specialisti. E così è stato: corridori esperti come Gaiardo, Gava, Bedin si sono messi davanti ed hanno vissuto fino alle fasi finali, mentre altri meno esperti hanno dovuto fare volate continue per salvarsi dall'eliminazione. In ogni caso sempre testa a testa finale fra Presti e Ravaioli, con il primo che parte deciso ai 250 metri ma che non avrà scampo sul traguardo. Spettacolare.

Si è giunti poi all'inseguimento sui 2 Km, 5 giri infernali con le gambe già piene di acido lattico e con un unico obiettivo: andare a tutta per 5 lunghe, lunghissime tornate. Anche qui sfida fra Titani, con un Mazzero che parte arrogante ma che subisce il ritorno di Ravaioli il quale invece va in crescendo fino a sprintare per un ottimo 2'34". In ogni caso roba di centesimi, uno starnuto, una sbandata in più o in meno. Ottimo Presti a qualche altro centesimo ancora dai primi due.

La quarta prova è stato lo Scratch su 10 giri. Vince chi arriva primo, semplice. Pronti via e la corsa esplode. Un primo e unico tentativo deciso di attacco da parte di Martinelli, Romanin, Gerotto, Zanet, Tortato, Guidolin, e Rainato ma dietro si viaggia comunque a 50 km/h per cui non vi era possibilità alcuna di fuga. Gruppo compatto alla campana, con Sauro Bembo che ai 130 metri parte e passa dove nessuno si immaginerebbe di passare e se ne va a vincere con una accelerazione furiosa. Dietro volata fra i big con nell'ordine Ravaioli, Mazzero, Presti, Martinelli, Romanin, Cosani, Pigozzo e via via gli altri che portavano la croce.

Finale con il KM da fermo. Tremendo. 2 giri dell'anello, con partenza dal lato opposto. Quindi 2 giri e mezzo. Qualcuno dirà "che siano mai 200 mt in più o in meno". Provare per credere. Anche 20 metri sono infiniti in quel minuto e qualcosa in cui si spinge come se non esistesse domani. E così è stato. Partiti in ordine inverso di classifica, Zanet fa registrare un tempo che resiste fino alla partenza dei démoni, i quali polverizzano i tempi esistenti, con Forgiarini che mette giù un perentorio 1:12, tempo di assoluto rispetto, di ben 2 secondi inferiore rispetto ai più prossimi.

La classifica Omnium è quindi completa col podio Ravaioli-Mazzero-Presti. Scusateci se è poco.  Il resto è pubblicato, con tutti i tempi e i punti delle prove. Maglie di Campione Triveneto: Martinelli (Jun), Ravaioli (Sen), Mazzero (Vet), Botteon (Gen), Gajotti (Sgen).

La serata è stata sicuramente un successo. E si è potuta realizzare grazie ad alcune persone molto particolari. Andrea Costa, tecnico e corridore di rango che ha rinunciato alla competizione per vestire egregiamente il ruolo di Direttore di Gara. Erik Tomarelli che è a tutti gli effetti il nostro speaker ufficiale, Lorenzo De Luca ancora una volta amico prezioso, fotografo e appassionato come nessuno, il VP Marco Battiston che ormai frequenta assiduamente la pista anche di nuovo in sella, Cinzia Gozzo la nostra miss, il direttivo ACSI con Emanuele Mazzarotto e tutti i presenti per la passione trasmessa dalle tribune.

Alla prossima con il Campionato Nazionale della Consulta il 30 Agosto 2014. Solo per chi vuole esserci, anzi per chi ha il coraggio di esserci per Vincere e saper Perdere.

Il Presidente

 

CLASSIFICA GENERALE FINALE

 

CLASSIFICA FINALE CON TUTTI I RISULTATI E TEMPI