CookiesAccept

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per offrirti il miglior servizio possibile e per mostrarti pubblicita' in base alle tue preferenze.

Nell’informativa estesa puoi conoscere come disabilitare l’uso dei cookies di terze parti; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcune tue preferenze.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti. Puoi accettare i cookies e proseguire, oppure puoi abbandonare il sito.

INFORMATIVA ESTESA

 

 

L'altro


Certo è, che se uno dei due sta mirando al "punto d'appoggio" c'è un avversario davanti.
E se quello siete voi ????
Se siete davanti dovete sapere SEMPRE dove sta il vostro avversario. Per fare ciò dovete guardarlo. Per guardarlo dovete girare la testa.

PARENTESI: Si deve iniziare presto a fare questo tipo di esercizi, usate la linea degli stayer come riferimento e fate i rettilinei voltandovi indietro e cercando di mantenere la linea.
Quando riuscirete bene sui rettilinei passate alle curve. Fatelo in più modi, girando la testa, guardando dietro da sotto le braccia o addirittura in mezzo alle gambe, cercate di scorgere la ruota di un compagno che vi segue.

Torniamo a noi, state guardando il vostro avversario.
Quando lo fate, non girate la testa ad un ritmo costante !
L'avversario è furbo, se voi girate la testa due secondi e poi la tenete dritta un secondo e poi la rigurate due secondi e poi.... l'avversario sa che ha un secondo per sorprendervi !

Ma dov'è l'avversario ??? E' vicino ? E' attaccato ? E' a distanza pericolosa "punto d'appoggio" ?

E' vicino. Vicino significa tra due e quattro metri. Possiamo pensare di farlo passare e gestire noi da dietro. Oppure DOBBIAMO far sì che i 4 metri diventino 3,2,1, attaccato sarebbe l'ideale.
Questo per evitare che ci usi come "punto d'appoggio".
Attenzione però, ricordatevi che la fascia dei velocisti è del primo che ci entra. Se io mi trovassi dietro costretto a starvi attaccato, tenterei di passarvi davanti, magari a sinistra, che la strada è più corta.
Così abbiamo detto anche il caso due, cioè attaccato.

Se è a 4-8 metri ??? In questo caso è molto ma molto pericoloso, anche perchè avrà letto l'altro articolo.

Abbiamo due soluzioni: rallentare o accellerare. Se restiamo così facciamo il suo gioco.
Possiamo rallentare e far diminuire il gap, facendo bene attenzione che durante questa manovra l'avversario non parta, sennò siamo fregati. Quindi su le orecchie e attenzione ai singoli movimenti.

Oppure possiamo accellerare, un pò alla volta, anticipando quello che vuole fare lui, cioè seguire la linea ideale per prendere maggiore velocità. Lui sarà costretto a seguirci passo passo.
Il trucco dove sta ? Sta nel fatto che noi questa cosa non la faremo a tutta (come si fa col punto d'appoggio e l'avversario davanti), ma daremo l'85-90% di gas (cambiando quindi i riferimenti visivi dell'avversario che ci crede a tutta), e aspetteremo di aprire manetta appena sentiamo il suo fiato dietro.
Attenzione che è questione di decimi di secondo !!! Trovarsi con l'avversario davanti che ci sbarra la strada è un attimo.