CookiesAccept

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per offrirti il miglior servizio possibile e per mostrarti pubblicita' in base alle tue preferenze.

Nell’informativa estesa puoi conoscere come disabilitare l’uso dei cookies di terze parti; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcune tue preferenze.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti. Puoi accettare i cookies e proseguire, oppure puoi abbandonare il sito.

INFORMATIVA ESTESA

 

 

L'utente medio........

L'utente medio, in Internet, odia il ciclismo.

All'utente medio in genere piace il calcio, al quale paga senza saperlo, settimana dopo settimana, un servizio di sorveglianza (Polizia.... Carabinieri.... la S.W.A.T.......), che al Ciclismo non serve.

L'utente medio addita i ciclisti come "DROGATI", però se chiedete il nome di un farmaco dopante non lo sa, pensa che sia cocaina o eroina, lui l'ha solo letto sul giornale o su facebook e non si è informato.

L'utente medio non sa che in tutti gli sport (gli atleti stupidi) si dopano, e non sa nemmeno che nel ciclismo gli esami antidoping del sangue si fanno da 15 anni mentre nel calcio, la UEFA, ha dato l'ok solo un paio di anni fa, con gran storcimento di naso.

L'utente medio non sa che il ciclista è dotato di "passaporto biologico" da una decina d'anni, cioè un database ONLINE con tutti i valori ematici nel tempo, così da valutarne i cambiamenti repentini; negli altri sport (anche nel calcio), ci stanno solo pensando, ma neanche tanto.

L'utente medio non sa che il ciclista ha l'obbligo di "reperibilità", così da poterlo controllare a sorpresa, anche quando va fuori a mangiare una pizza. Provate a obbligare un calciatore a fare ciò, sarebbe scandalo !!!

Utente medio, vai sul sito del CONI e verifica il numero di CONTROLLI / SPORT / POSITIVITA', vedrai che tutto il mondo è paese.

L'utente medio ha la macchina, o la moto, o il camion e crede che le strade siano sue.

Utente medio, pensa ai tuoi figli o ai tuoi genitori che sono in giro in bicicletta. Pensa che un altro utente medio come te potrebbe stenderli, potrebbero non esserci più. Anche se arrivi un minuto dopo non ti cambia il mondo. Se devi timbrare il cartellino parti due minuti prima, perchè potresti trovare un trattore nella tua strada (al quale non suoni certamente), e non una bicicletta.

Utente medio che schivi appositamente i ciclisti, che gli spruzzi il liquido dei tergicristalli, che fai in qualche modo il "figo" (non mi viene termine meno offensivo), ricordati che appiccicata dietro hai la targa. La targa è nel PUBBLICO registro automobilitico, con quattro monetine si ha nome cognome indirizzo, non sei tanto furbo.

Utente medio, ricordati che un giorno il petrolio finirà, e sarai costretto ad usare la bicicletta.

Utente medio, non essere mediocre........